makia

si legge makìa

Archivio per sarkozy

It is a mess (cit.)

E’ un casino, lo dicono chiaramente gli investigatori americani, parlando dell’indagine che ha portato all’arresto di Dominique Strauss-Kahn con l’accusa di aver stuprato una cameriera nell’hotel dove alloggiava a Manhattan. La donna avrebbe mentito ripetutamente, nel frattempo, le foto di DSK ammanettato facevano il giro del mondo, Sarkozy si precipitava a sostituirlo alla guida dell’Fmi tirando fuori dal frigo Christine Lagarde (un’elezione facilitata dall’appoggio degli Stati Uniti che da soli hanno il 17% dei voti), cosa che gli ha permesso un rimpastino nel governo in preparazione del banchetto 2012, e metteva pure la pietra tombale su uno dei suoi più accreditati competitors alle prossime presidenziali. Se a pensar male si fa peccato, ora a quel giudice di NY, più che mandarlo a dirigere il traffico di Manhattan, un monumento dovrebbero fargli.

Mettete dei fiori nei vostri cannoni

Praticamente, la differenza è che prima  eravamo una colonia libica e ora siamo una colonia francese. Non ho capito di cosa si preoccupa Bossi, visto che “Bombarderemo solo obiettivi fuori città” come ha detto La Russa. Il deserto, come è noto, è zeppo di obiettivi strategici. Magari li bombarderemo quando saranno in vacanza, ci andranno in vacanza stì libici no? Metteremo dei fiori nei nostri Tornado e così i civili di Misurata saranno salvi. Ma tutti stì pacifinti della domenica dov’erano quando si trattava di andare a fare il mazzo agli iracheni? Voi li avete visti con le bandiere della pace in giro per caso? Se ci fosse stato D’Alema agli Esteri, ve lo dico io, Draghi sarebbe andato alla Bce senza bisogno di regalargli la Parmalat, tenerci i tunisini e correre a bombardare Gheddafi perché Obama si è rotto le palle. La Farnesina in mano a questi è diventata una barzelletta. Il prossimo a cui dovremo lucidare le scarpe chi è? Vive la France.

Guten tag in Deutschland

Come avevamo previsto, Angela Merkel, prima di buttarsi in un abbraccio mortale con l’Italia, in questa guerra contro gli ex alleati franco-britannici ci ha pensato bene.  E quindi vai con la videoconferenza tra quelli che contano: Usa, Francia, Gran Bretagna e Germania. Costretti a cedere alla Nato, Sarkozy e Cameron hanno gettato le basi per prendersi la regia politica dell’operazione: Gheddafi deve andarsene. Punto. E le nostre idee? Scusate qualcuno sa che fine hanno fatto? Perché anche noi avevamo delle idee. Te lo dicevo di non fidarti dei crucchi Frattini, la politica estera non è andare a sciare in Svizzera o stenderti al sole alle Maldive, Frattini. Solo tu potevi pensare di fare un piano con quelli che ci prendono per il culo continuamente. E ora che questi fanno sesso coi ribelli libici usandoci come affittacamere che ci rimane? Lo spot tedesco sulla libertà dei media? Eine Demokratie ist so stark wie ihre Medien. Ma vaffanculo va’.

La solidarietà pelosa di Carlà

 “Dal fondo della vostra cella, sappiate che mio marito e la Francia non vi abbandoneranno“. Delle migliaia di famiglie rom che il marito sta abbandonando non se ne parli. Madama la Marchesa.